All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

logoscardillipressrotondo-trasparente

Un premio in giallo dedicato a Carlo De Filippis - Sabato 7 novembre ore 14:30 la premiazione in diretta Faceb

06/11/2020 00:15

Admin

home, interviste, news, EditReal, Premio Gold Crime 'Carlo F. De Filippis', Nino Bozzi, Michela Tanfoglio,

Un premio in giallo dedicato a Carlo De Filippis - Sabato 7 novembre ore 14:30 la premiazione in diretta Facebook

Un premio in giallo dedicato a Carlo De Filippis - Sabato 7 novembre ore 14:30 la premiazione in diretta Facebook dalla pagina 'Premio De Filippis'

SABATO 7 NOVEMBRE ORE 14:30 IN DIRETTA DALLA PAGINA FACEBOOK DEL

PREMIO DE FILIPPIS

schermata2020-11-05alle13-1604577932.png

A cura di Salvatore Massimo Fazio

1037306337845860354113321011101411229639600o-1604578292.jpg

Michela Tanfoglio (in foto)  fondatrice dell'agenzia di servizi editoriali EditReal di Torino e Nino Bozzi, fondatore di CTL Edizioni di Livorno mesi addietro hanno indetto un premio per la narrativa in giallo. Il nome, qui la prima sorpresa, sta nel nome: Gold Crime - Carlo F. De Filippis.

Contattata l'agente letteraria, chiediamo perché la scelta di intitolare un premio, totalmente gratuito, a uno dei maggiori giallisti italiani ancora vivienti, De Filippis per l'appunto:


«Sia io che Nino Bozzi abbiamo sempre avuto una passione per i libri più comunemente chiamati crime. Una mattina lo stesso mi telefonò per dirmi che aveva appena concluso la lettura dell'ultimo libro di Carlo F. De Filippis e di averlo apprezzato molto. Carlo è un grande giallista italiano, nonché mio socio, quindi ci fu uno scambio di opinioni che andavano dal: "peccato non si trovino molti gialli belli da leggere", "peccato non riuscire a scoprire nuove voci". Fu lì che ci venne l'idea, quasi per scherzo, di creare un premio intitolato all'autore di Chieri».

 

Fu una sorpresa per il Maestro?

«Gliene parlammo prima e accettò subito il premio a suo nome e dopo mesi di duro lavoro... Eccoci qui».

 

Direi che è una grande emozione. I premi sono quasi tutti a pagamento, anche se con piccole quote di partecipazione: perché quello che avete istituito voi è totalmente gratuito? 

 

schermata2020-11-05alle11-1604589076.png

«Perché Nino Bozzi e io, che sono la titolare di EditReal crediamo nella vecchia editoria, quella ortodossa e non a pagamento. Essendo loro una CE e noi un'agenzia ci sarebbe stato un conflitto d'interesse e quindi abbiamo scelto un premio che fosse accessibile a tutti».

 

Chi ha scelto la giuria?

«La giuria è stata scelta in parte da Nino, in parte da me e poi i giurati hanno consigliato altri giurati e come potete vedere abbiamo dei nomi noti e in Italia e all'estero».

Carlo De Filippis, ha ricoperto ruoli oltre ad esser stato encomiato col suo nome di questo premio che cade in coincidenza con la richiusura delle gabbie causa pandemia?

«Il ruolo di Carlo è stato decisivo, gli abbiamo assegnato la presidenza di giuria. È severo e imparziale, come del resto è giusto che sia».

 

Quando uscirà il nuovo bando per la seconda edizione?

«A gennaio 2021 e siamo sicuri che sarà un grande successo esattamente come questo».

Torniamo un attimo alll'idea: come vi siete trovati tu e Nino Bozzi in questo progetto?

«Collaboro con Nino Bozzi ormai da molto tempo e ci siamo sempre sostenuti a vicenda, e anche questa volta tra di noi è stato tutto semplice: quando si ha al proprio fianco un professionista come Nino e tutta la sua squadra, le cose possono solo andare alla grande. Nino Bozzi è una persona seria, che non ha paura di piegare la schiena, ovvero di lavorare, e inoltre ha mani d'oro! Lui e suo figlio Iran, insieme all'immancabile Stefano Trovatello, hanno creato un'azienda solida e in crescita che sta proponendo titoli sempre più interessanti. Nei prossimi mesi ne vedrete delle belle! Dico solo "Luzzati" e qui chiudo il discorso o mi prendo una denuncia (ride)».

 

Quali furono gli elementi della trasparenza?

«I testi arrivavano senza nome dall'autore e su una scheda a parte si spedivano i dati dell'autore e della sinossi. Solo Iran Bozzi, figlio di Nino, ne era a conoscenza, ricoprendo il ruolo di segretario e ovviamente senza diritto di voto. I testi sono stati scrutinati prima da Enzo Linari, Sergio Consani e Giancarlo Cavallini e poi da Collaveri Diego, Pierluigi Porazzi, Enrico Pandiani, Maria Masella e Carlo ovviamente».

 

Sabato 7 novembre, un giorno importante, si sperava che le varie chiusure finissero e invece?

«Non ci siamo arresi. Ci siamo adeguati e siamo andati dritti per la strada che coinvolge tantissimi in tante aree socio culturali. Abbiamo assegnato venticinque premi, dieci per i romanzi e ai primi tre associato un contratto editoriale; altri dieci per i racconti che saranno racchiusi in una raccolta. Altri cinque solo premiati e ancora 3 premi da parte del presidente di giuria».


Sito del "Premio Letteratura in Giallo - Gold Crime - Carlo F. De Filippis"

Pagina dove si terrà la diretta del "Premio Letteratura in Giallo - Gold Crime - Carlo F. De Filippis"

Nei nostri social, la pagina facebook Letto, riletto, recensito! e il gruppo Quelli che... Letto, riletto, recensito!" condivideremo il prestigioso evento della prima edizione del Premio Gold Crime Carlo F. De Filippis.