All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

logoscardillipressrotondo-trasparente

Marco Moretti - Occhi dal passato - Eretica

16/12/2020 00:01

Admin

Recensioni, home,

Marco Moretti - Occhi dal passato - Eretica

Marco Moretti - Occhi dal passato - Eretica - Le recensioni in LIBRIrtà - A cura di Federica Duello

“La sabbia fresca cede sotto i piedi nudi accarezzati dal brivido leggero delle onde; cammina lento sulla battigia che il mare limpido bacia con timidezza, per allontanarsi rapido. Massaggia il mento e sfiora prudente lo zigomo destro, fa ancora troppo male; non gli serve uno specchio per vedere la guancia gonfia e l’occhio pesto[…] Fanno male sul serio anche le cicatrici, destinate a diventare segno del tempo e forse solo questo sarà il solvente per i ricordi, per sfumare le tracce”.

schermata2020-12-09alle22-19-26-1607549254.png

Marco Moretti

 

 

Occhi dal passato

 

 

Eretica

 

 

Le recensioni in LIBRIrtà


A cura di Federica Duello

 

Non è facile scrivere di Occhi dal passato (Eretica edizioni) di Marco Moretti, poiché oltre alla struttura del testo per cui i capitoli sono distinti da una data, incerta e vaga, che scandisce il percorso del tempo, Marco Moretti ha composto un urban noir d’eccezione: la sua trama fitta di azione e suspense, i suoi personaggi così dettagliatamente analizzati, le fini dissertazioni psicologiche che rasentano il filosofico e l’evolversi degli accadimenti tolgono il fiato a passo andante, coinvolgendo chiunque abbia gli occhi puntati sulla riga scritta a immergersi nella situazione, a empatizzare con il personaggio di turno e con ciò che è intento o intenta a descrivere della società umana, sempre puntigliosamente osservata da un occhio analitico, attento a tirare le somme tenendo in considerazione la totalità degli elementi a propria disposizione.

“La mia visione della vita e della medicina non sono distanti tra loro: il mondo è solo un grande condominio, qualcuno vive nell’attico vista mare e altri al piano terra affacciandosi al cortile. […] Mi ritengo competente e voglio il meglio per lavorare, quindi anche nella medicina il profitto è sia traguardo che partenza. Se pensiamo a noi medici in termini, diciamo così, filosofici, ci considero come poveri 

schermata2020-12-09alle22-19-21-1607549437.png

dei che danno e tolgono la vita: abili e divini tecnici in grado di aggiustare macchine utilizzando talvolta costosi pezzi di ricambio[…]”

I capitoli non segnati ma contraddistinti dall’unico segnale di avanzamento del tempo quali date e luoghi accelera il ritmo del respiro tra le righe asserragliate del racconto, in cui un continuum di presente e passato si avvinghiano, a dimostrazione che la teoria del caos è vera: è proprio vero che nessuno si salva dal proprio passato, perché se in un tempo ormai per fortuna andato, le truppe naziste in Russia conducevano esperimenti genetici, negli anni duemila un chirurgo di nome Mario Pinuzzi, durante il suo percorso di vita tra Milano, Genova e la Grecia, conoscerà un’adolescente, Johanna, che con il suo sguardo singolare segnerà profondamente il professionista, conducendolo, nel corso dei loro incontri a metà tra il casuale e il professionale, alla risoluzione di un enigma intricato che gira intorno a una clinica chirurgica in cui gran parte dei pazienti-clienti sono inclusi in una cerchia contrassegnata da una dicitura dal titolo “Milano bene”. Nonostante la nicchia, nessuno rimane escluso: ogni fascia sociale è coinvolta in questo rompicapo, facendone scoprire pregi e difetti, calcolo non immediato che precede qualsiasi presupposizione di tutte le bassezze e altezze dell’animo umano.

 

Ultimo punto intenzionalmente lasciato scorgere da un angolino: cosa hanno a che fare le operazioni militari naziste con ciò che avviene nella modernità? Molto più di quanto non si pensi. Mario ha con sé un diario di quei tempi, offuscati come il tenore del racconto, scritto e risalente agli anni bui del terzo impero; come in una sorta di Storia Infinita, ci troviamo immersi in un “libro nel libro” per cui ci si solletica l’intelletto a trovare i punti in comune tra i due mondi, e non sono pochi. 

 

Come finirà il connubio tra passato e presente? Il finale sarà rivelato dagli occhi di una ragazzina.

Titolo: Occhi dal passato (cliccando sul titolo qui riportato potrai acquistarlo a un prezzo scontato)

Autore: Marco Moretti

Edizioni: Eretica

Pagg.: 204

Prezzo: € 14,00

Voto: 7