All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

logoscardillipressrotondo-trasparente

Enrico Ruggeri - Un gioco da ragazzi - La nave di Teseo

29/11/2020 23:01

Admin

Recensioni, home, La Nave di Teseo, Enrico Ruggeri, Un gioco da ragazzi,

Enrico Ruggeri - Un gioco da ragazzi - La nave di Teseo

Enrico Ruggeri - Un gioco da ragazzi - La nave di Teseo - Lo speciale - Le recensioni in LIBRIrtà a cura di Letizia Cuzzola

Ecco la sorpresa che vi avevamo anticipato il 19 novembre. Promessa mantenuta. Un nuovo partnership. Grazie a  Letizia Cuzzola, nostra editorialista, per l'esclusiva ottenuta.


schermata2020-11-29alle19-55-40-1606676209.png

Enrico Ruggeri

 

 

Un gioco da ragazzi

 

 

La nave di Teseo

 

 

 

Lo Speciale

Le recensioni in LIBRIrtà


A cura di Letizia Cuzzola

 

Cinque ore. Cinque ore incollata a sottolineare, divorare le pagine. Non accadeva da mesi ormai di ritrovarmi fra le mani un libro che riuscisse a catturarmi, farmi dimenticare del tempo oltre quelle pagine. Ci è riuscito Enrico Ruggeri con il suo Un gioco da ragazzi (La nave di Teseo, 2020). 452 pagine e mai una caduta di stile, la soglia dell’attenzione che resta alta dalla prima all’ultima frase. 

 

   È la storia di una famiglia, dell’Italia dal secondo dopoguerra alla soglia del nuovo millennio. È la storia che abbiamo ascoltato nei tg e letto nei libri, noi, generazione successiva e figlia di ferite aperte ancora oggi. Tanti misteri che qui diventano spunto di riflessione. Cinquant’anni di polvere sotto il tappeto che qui riviviamo attraverso Mario, Vincenzo e Aurora: una bilancia con tre piatti, una medaglia con tre facce.

 

   Quando ci si cimenta con la lettura di un romanzo così imponente è inevitabile che, a un certo punto, il lettore si aspetti di trovare un personaggio preponderante sugli altri. Arrendetevi: non c’è. Si può parteggiare per Mario o Vincenzo, guardare sottecchi Aurora ma l’incredibile merito (lo dico da editor e non da lettrice rapita) di Ruggeri è una scrittura armoniosa ed equamente distribuita sui protagonisti. Non è facile camminare sul filo delle storie, quella con la lettera iniziale maiuscola e quella con l’iniziale minuscola; non è facile mantenere, in un romanzo come questo, la libertà del lettore che può ritrovarsi in uno dei personaggi senza sentirsi colpevole della scelta. Mario e Vincenzo rappresentano gli estremi e le estreme conseguenze delle loro decisioni. Non esistono buoni e cattivi se non per i moralisti, per quanti non vorranno vedere lo sforzo di mostrare che dietro le lotte, giuste e ingiuste, ci sono pur sempre uomini figli del loro tempo. 

 

   Raccontare gli anni in cui l’Italia è stata in balia del terrorismo è impresa da pochi: si finisce sempre col puntare il dito dall’una o dall’altra parte; col cercare un colpevole al di là della storia giudiziaria che ne è nata dopo e col dimenticare l’aspetto umano della vicenda. In “Un gioco da ragazzi” sfogliamo le vite di questi due bambini, ragazzi, poi uomini che hanno scelto da che parte stare dimostrando, forse, che non si è mai dalla parte giusta, che la vita ti presenta sempre e comunque il suo conto da pagare. Fra Mario e Vincenzo troviamo Aurora, il collante fra i due, l’Amore al di sopra di tutto, emblema della famiglia che mantiene un equilibrio precarissimo ma che resiste a tutti gli urti.

Almeno lei e la sua forza. 

 

Un bel romanzo come pochi in questi anni di editoria ridotta a industria.

schermata2020-11-29alle19-55-29-1606676840.png

Titolo: Un gioco da ragazzi
Autore: Enrico Ruggeri

Editore: La nave di Teseo

Pagg: 452

Prezzo: € 20,00

Valutazione: Ipnotico