All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

logoscardillipressrotondo-trasparente

Saverio Sam Barbaro - Al di là delle onde - Emersioni

15/10/2020 08:00

Admin

Recensioni, home, Al di là delle onde, Saverio Sam Barbaro, Emersioni ,

Saverio Sam Barbaro - Al di là delle onde - Emersioni

Saverio Sam Barbaro - Al di là delle onde - Emersioni - Le recensioni in LIBRIrtà - a cura di Salvatore Massimo Fazio

schermata2020-10-09alle13-1602243033.png

Saverio Sam Barbaro

 

 

 

Al di là delle onde

 

 

 

Emersioni

 

 

 

Le recensioni in LIBRIrtà

A cura di Salvatore Massimo Fazio

 

La rivista ‘Ieri e oggi zoom’ ha seri problemi di sopravvivenza: le copie si vendono sempre meno perché gli articoli pubblicati non suscitano grande interesse. Da qui la difficoltà a pagare giornalisti e collaboratori. Urge quindi l’esigenza di dare spazio a inchieste in grado di solleticare l’interesse dei lettori. Magari svelando verità su fatti ancora avvolti dal mistero o facendo scoppiare scandali passati inosservati perché ben coperti.

 

L’occasione è offerta da un evento mai chiarito di circa un decennio prima, al centro del quale fu protagonista Nicolò Vargantini, il sindaco di un piccolo paesino di mare a vocazione turistica. Costui godeva la fiducia dei suoi concittadini. Al punto che molti lo ritenevano destinato a una lusinghiera carriera politica destinata a concretizzarsi con l’elezione al parlamento. Invece, come fulmine a ciel sereno, Niccolò Vargantini si dimise e scomparve nel nulla con la nuova compagna abbandonando il paese e la fedele moglie. Quest’ultima, dopo poco tempo, andò a vivere nella vicina e molto più grande città con un’altra donna a cui intanto si era legata sentimentalmente.

 

Questi misteriosi accadimenti, se svelati in parte o per intero, potrebbero soddisfare la curiosità di molti: è questo che pensano i dirigenti di ’Ieri e oggi zoom’. Vale quindi la pena tentare di ricavarne un articolo. Non resta che spedire sul luogo un giornalista capace, come dimostra di essere Denny Tate, nato e vissuto negli Usa ma poi arrivato in Italia, paese che lo affascina. Ma soprattutto lo affascinano le donne italiane. Denny padroneggia bene la lingua italiana e ha dimostrato di essere un bravo giornalista oltreché un abile giocatore di scacchi. 

 

Organizzato tutto, Denny arriva in Calabria in incognito come in accordo con la direzione della rivista per cui lavora da qualche tempo. Appena messo il piede in albergo, con suo grande stupore, riceve la visita di uno sconosciuto: Attilio. Costui gli confessa di sapere il vero motivo che ha spinto Denny nel paesino: fare un’inchiesta su Niccolò Vargantini, l’ex sindaco. Il giornalista tenta di negare ma Attilio lo incalza e si offre persino di aiutarlo a cercare notizie su Vargantini presentandogli le persone giuste. Denny decide di stare al gioco sospettando però che Attilio voglia attirarlo in una trappola da cui potrebbe uscire con le ossa rotte. Succede così che Attilio lo porta con la sua auto in un luogo lontano dal paese. Qui gli fa incontrare una strana donna. Costei fa vivere a Denny una sconvolgente esperienza: lo sottopone a ipnosi! Quando Denny riacquista la sua lucidità si convince che la donna lo ha sottoposto a una ‘ipnominaccia’. 

 

Dopo di che Attilio riprende il suo girovagare portandolo in un luogo nascosto del mitico Aspromonte: anche qui Denny vive un’esperienza terribile finendo per diventare oggetto di un tiro al bersaglio con pistole vere. Infine, partecipando a un ricevimento, incontra una donna che gli consiglia di andare alla ricerca di Raffaele, un bizzarro e solitario pescatore che, essendo il compagno di Gabriella Vargantini, sorella di Niccolò Vargantini, potrebbe dargli delle informazioni utili proprio sull’ex sindaco consentendogli la stesura del suo agognato articolo. 

Denny segue alla lettera i consigli della donna e riesce a rintracciare Raffaele. Tramite quest’ultimo, entra in rapporti anche con le figlie di Gabriella, Anita e Serena.

schermata2020-10-09alle13-1602243186.png

Da loro viene a sapere che Gabriella ha rotto i rapporti con Giampiero, il terzo dei fratelli Vargantini, diventato un ricchissimo imprenditore ai tempi in cui il loro fratello Niccolò era sindaco del paese. Tra Denny e Anita nasce un legame di amicizia e collaborazione che si fa sempre più ‘caldo’. Anita è una ragazza che sembra vivere appartata dal mondo soprattutto dopo un brutto episodio in cui ha rischiato di restare vittima di uno stupro. Episodio che ha segnato la rottura tra lei e la madre da una parte e, dall’altra parte, il ricco fratello imprenditore Giampiero colpevole di aver spinto Anita tra le braccia del mancato violentatore. Ma la ragazza, pur solitaria, non è priva di ironia e, da brava disegnatrice, fa diventare Denny protagonista di disegni in cui si fa beffe di lui. Disegni non di facile interpretazione in quanto allusivamente erotici.

Per aiutarlo a portare avanti la sua inchiesta, Anita gli fa incontrare la moglie dell’ex sindaco. Che però non gli fornisce nessuna notizia rivelatrice. Esattamente come aveva fatto Jessica, un’altra donna precedentemente incontrata da Denny. Jessica aveva ricoperto l’incarico di assessore nella giunta presieduta dallo stesso Niccolò Vargantini. In compenso, fornisce al giornalista dettagli utili sugli affari sporchi che spesso inquinano l’opaco universo di molte amministrazioni locali pullulanti di faccendieri senza scrupoli. Tutti desiderosi di arricchirsi a costo di offrire lauti regali a chi, politico o funzionario, è disposto a lasciarsi corrompere.

Anche dopo questo incontro andato a vuoto Denny non si scoraggia e prosegue nella sua inchiesta esponendosi a rischi e subendo intimidazioni, persino agguati da cui riesce a sfuggire miracolosamente grazie anche alla complicità di Anita. Dopo ardite fughe ed inseguimenti mozzafiato dovrà nascondersi in improvvisati nascondigli dove però non sarà al sicuro e, vittima di altri colpi di scena, si salverà recitando irreali scene erotiche.

Alla fine riuscirà a scoprire il mistero che aleggia sulla figura del sindaco scomparso. E quando la verità sarà venuta tutta fuori, capirà che era tutta diversa da come l’aveva immaginata. Come lui, chissà quanti altri lettori.

 

P.S.: Le polemiche nate attorno alla foto di questo libro che ho personalmente postato giorni addietro nel profilo instagram del nostro blog (sono costretto a non includere tutto lo staff), mi fanno un baffo. Se ignoranti potenziali candidati di qualunque zona dello Stivale vogliono utilizzare la mia passione letteraria per strumentalizzarla contro il bravissimo Saverio Sam Barbabro, sappiano già che altre teste di cazzo hanno sviluppato osservazioni poco gradevoli in passato, ma si trattava di 'malati mentali' (non di quelli con disgaio che necessitano di assistenza reale), di rozzi rubicondi, che grazie a Dio però non sono mischiati nella volgare feccia della politica intesa ad oggi come clientelismo e favoritismo, dunque a questi che mi attaccarono, pensate un pò, potreste, solo lustrargli le scarpe. Pensate, nuovamente, un pò, feccia che lustra ad altra feccia, senza ottenere nulla. 

 

Titolo: Al di là delle onde

Autore: Saveri Sam Barbaro

Edizioni: Emersoni

Pagg.: 201

Prezzo: € 16,50

Voto: 9