All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

logoscardillipressrotondo-trasparente

Tre donne nelle configurazione della tundra di Elena Giorgiana Mirabelli

19/02/2021 23:01

Admin

Recensioni, home, evergreen, Elena Giorgiana Mirabelli , Configurazione tundra , Tunué edizioni,

Tre donne nelle configurazione della tundra di Elena Giorgiana Mirabelli

Elena Giorgiana Mirabelli - Configurazione Tundra - Tunué - Le recensioni in LIBRIrtà - A cura di Gianfranco Cefalì

schermata2021-02-17alle15-59-14-1613574183.png

Elena Giorgiana Mirabelli

 

 

 

Configurazione tundra

 

 

 

Tunué edizioni

 

 

 

Gli evergreen

Le recensioni in LIBRIrtà


senzatitolo592-1613574921.jpg

A cura di Gianfranco Cefalì

 

 “Ho la sensazione che sia tutto simile a uno strappo, ma che questo strappo non abbia suono.”

Dopo aver letto questa frase avrei anche potuto smettere di leggere il libro.

Perché? Perché questa è una frase “significato”, una frase “mondo”, una frase “senso”. Essa racchiude nella sua meravigliosa scrittura tutto quello che c’è da capire sull’emozione che l’autrice vuole trasmettere.

Dimenticavo, questa frase si trova a pagina sette riga undici, ovvero alla prima pagina del romanzo.

Non intendo dire che con questa frase ho capito il significato del libro, no ovviamente, ma solo che per quanto riguarda la scrittura mi sono bastate le prime righe per capire la bellezza dello stile dell’autrice, e per usare una frase che nessun autore dovrebbe mai usare… un’immagine vale più di mille parole. Invece di parlarvi della scrittura di Elena Giorgiana Mirabelli, (nella foto di Claudio Valerio) vi ho scritto un’immagine così che voi possiate “vederla con i vostri occhi”.

E poi? E poi tre donne. Diana, Lea, Marta. Una città, una configurazione. Della città stessa, dello spazio, del tempo, delle vite. Distopia, utopia. Una distopia fondata su di un’utopia che ha il retrogusto della realtà più prossima.

Lea in qualche modo si ribella e rompe gli schemi e lascia tracce tangibili della sua vita, le lascia nascoste, ma non tanto; nella sua ultima residenza, Diana che occuperà la casa lasciata da Lea, ritrova quelle tracce e cerca di seguirle. Da questo incrocio capiremo Lea, Diana e Marta. Marta Fiani, madre di Lea e ideatrice e filosofa di quella configurazione che creerà l’utopia.

Utopia: cercare di eliminare dalla vita degli esseri umani ogni tipo di complicanze attraverso la progettazione di città e percorsi all’interno della stessa, tendendo a eliminare ogni complessità dalla vita degli uomini. 

Città-Bioma in cui gli spazi sono neutri e ogni ricordo è cancellato. Ospiti che occupano e sfruttano uno spazio e che alla fine dell’utilizzo viene riconsegnato asettico, così da poter passare al prossimo ospite. Che a sua volta procederà allo stesso modo. I rapporti interpersonali non esistono, si limitano a succedere perché così deve essere. E anche il sesso e la pornografia rispondono a precise domande all’interno di un percorso prestabilito. Come espletare una funzione fisiologica. Anche nelle parafilie. Non bisogna creare ostacoli. Gli ostacoli creano soggettività. La soggettività il pensiero. Distopia: pensare un’utopia del genere ci porta nel campo della distopia. Realtà: sarebbe facile adesso fare riferimento al tempo in cui stiamo vivendo, pandemia, virus, state a casa. La vita riorganizzata esclusivamente nei nostri spazi, regole precise per uscire e entrare, tracciati predisposti per eseguire qualsiasi azione. A intervalli, ci apriamo e chiudiamo. Facile anche pensare subito ai totalitarismi, annullare il soggetto in nome della collettività, immaginando un bene superiore, scegliendo chi può fare e eliminando chi è contrario. Vorrei però spingermi oltre. Sbaglierò? Può essere. Mi soffermo sul concetto di spazio. Il nostro è cambiato. Abitiamo oggetti. Estensioni dei nostri spazi e dei nostri corpi. Ci rendono tutti uguali. I social media. Tutti uguali nella forma. Ognuno di noi ha una pagina identica nella struttura a quella di tutti gli altri. Voi direte… il contenuto cambia! Solo il contenitore è uguale.

97888679037260058475-1613574234.jpg

Ne siete sicuri? Osservate bene. E in questi spazi ognuno di noi si muove allo stesso modo. Celando, mostrando, falsificando. Semplifichiamo e riduciamo le emozioni. Parliamo per immagini. Qualcuno ha più amici sui social che nella vita reale, anzi tutti abbiamo più amici sui social che nella vita reale. Qualcuno è vivo solo sui social. Qualcuno morto vive sui social. Noi lasciamo tracce. Quello che prima era nei cassetti di casa ora si trova su di un profilo. Ma i nostri ricordi (tracce) sono tutti uguali. Seguiamo un flusso, ci facciamo trasportare. Osservate bene. Quelle tracce ci rendono tutti simili perché abbiamo la tendenza all’imitazione spinta dall’approvazione generale. Blocchiamo e veniamo bloccati. Ci eliminiamo a vicenda dalle nostre memorie virtuali. Reali? Realistiche? Tendiamo sempre di più a chiuderci nelle vicinanze del nostro pensiero. Univoco. In una sola direzione, la nostra. Non ci piace l’immagine che ci siamo dati fino a ora? La sopprimiamo. Creiamo un’altra immagine. Poi facciamo qualcosa che per qualcuno è sbagliato, veniamo ammoniti, al prossimo errore account sospeso per trenta giorni. Reiteri l’errore? Allontanato per sempre. Si sparisce. Si crea un nuovo account e si ricomincia daccapo. Sempre uguali.

 

Direte voi nuovamente… facile parlare male dei social media, ci sei dentro anche tu… è vero, è come… (e qui utilizzo un’altra espressione che uno scrittore non dovrebbe mai usare) è come sparare sulla Croce Rossa! Vero, forse sono andato oltre. Ma questo libro è complesso e stratificato, e come tutti i bei libri si aprono a molteplici significati e interpretazioni. Io ho pensato questo. Questa è la mia lettura. Una delle tante? Voi ne avrete un’altra. Sì, perché il sostrato filosofico che si diffonde nelle parole scritte dall’autrice andrebbe indagato a fondo. Io? Posso farlo io? No. Sul ponte sventola bandiera bianca. Non mi arrendo. Perché?

 

È un’opera che andrebbe letta e riletta. Poi una pausa e riletta di nuovo. Andrebbe studiata. Un romanzo forte e straniante. Un libro che potrebbe insegnarci molto.


L'autrice

Elena Giorgiana Mirabelli, nata a Cosenza nel 1979, laureata in Filosofia, ha curato volumi per Carocci, Laterza e altri editori.
Configurazione Tundra è il suo primo romanzo.

 

Il libro

Titolo: Configurazione tundra

Editore: Tunué

Pagg.: 106

Prezzo: € 14,50 (in formato pdf € 1,99)