All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

Il nuovo noir di Gaudenzio Schillaci fa parlare i pappagallini

2021-10-01 01:01

Admin

Recensioni, home,

Il nuovo noir di Gaudenzio Schillaci fa parlare i pappagallini

ConsiglLIBRO Ottobre 2021 - A cura di Federica Duello

schermata2021-09-22alle18-38-10-1632328762.png

Gaudenzio Schillaci

 

 

Frasi sporche da insegnare ai pappagallini

 

 

Alter Erebus

 

 

ConsigLIBRO del mese

Le recensioni in LIBRIrtà


A cura di Federica Duello

 

In una Bologna che mostra i pesanti postumi di una pandemia che seppur oltrepassata, lascia i suoi segni evidenti sull’indifferenza dilagante, anche il carattere di Vinicio ha dissipato quella poca umanità che gli rimaneva ancora in corpo; arido e disilluso, conduce una vita che da tempo gli sta stretta come la routine quotidiana a cui deve sottostare: quella di professore liceale, a cui rimedia accompagnandosi a carne giovane e di prima scelta. Con le sue partner passate aveva provato a stanare la sua cupidigia, la sua sete di possesso e rivendicazione riversata sull’atto sessuale ma con Sveva era diverso: lei, ancora minorenne, era il punto nevralgico dei suoi vizi e delle sue virtù (che spesso coincidevano) ringiovanite e per questo riscoperte, ancora in grado di vivere soltanto grazie a lei, e per questo doveva lasciarla; per non farle patire il Vinicio che avevano sofferto tutte le altre… Se non fosse stata una delle sue studentesse all’istituto in cui insegnava, avrebbe potuto pure rivelarsi una relazione vincente. Non passa molto tempo dalla rottura dei due alla scoperta di foto compromettenti che rischierebbero di far scoppiare lo scandalo all’interno della scuola e rovinare la vita di Vicinio: quale occasione migliore per convincere lo stesso direttore dell’istituto a farsi licenziare prima che la miccia si accenda per liberarsi di una vita ordinaria e asettica?

 

La sparizione della ragazza richiamerà l’ispettore Andrea Fago e l’agente Sala a investigare sui fatti successi effettuando una fine autopsia della relazione tra i due, curiosità che vanno oltre la ragazza e una storpiata sensazione di familiarità con Vinicio mentre quest’ultimo aprirà il ventaglio della sua personalità a un numero imprecisato di donne talmente diverse tra loro da dare la sensazione di fungere da riscontro al suo essere complesso: Marilù, Sveva, Roberta, Sefora. Piccole pietre miliari che segnano un unico tragitto verso il centro della femminilità organica di ogni donna con l’intento di colpirle nelle loro speranze più intime: la scoperta dell’intimità morale e psicologica, oltre che quella fisica; una speranza a cui tutti, indistintamente, sia uomini che donne, miriamo, e di cui ognuno prova a liberarsi a proprio modo.

2423689523833283565731424771980886364998173n-1632328821.jpg

Gaudenzio Schillaci con il suo "Frasi sporche da insegnare ai pappagallini” edito da Alter Erebus, elabora un noir dagli aspetti sospettosamente quotidiani adornati da indifferenza moderna giocando tra l’ambiente aperto, solidale e rivoluzionario di Bologna del post pandemia e la difficile situazione politico-economica italiana contemporanea corredata di riflessioni ed excursus storici; in quest’operazione, Schillaci sembra volerci far riflettere sul motore da cui tutto è stato scaturito e ne sarà trainato, simbolo di un Paese carico di problemi che, esattamente come Vinicio, non è stato in grado di scrollarsi di dosso i soliti, dannatissimi, vizi perpetrati negli anni e che costituiscono ormai abitudine di un popolo e di una mentalità.

In questa duplice visione della storia che porta il lettore a esplorare l’attinenza dello scritto con la realtà da cui è circondato, lo stile sincero, schietto (a volte fin troppo ma glielo si perdona) dello Schillaci ci pone davanti a uno specchio che riflette i pro, i contro e le piccolezze della società moderna con un andamento narratologico fluido, rilassato come il rapporto del suo protagonista con le donne e con la vita, dopotutto: sarà soltanto verso la fine che i due elementi si scontreranno visibilmente, probabilmente nell’intento di aiutarci ad ampliare la visibilità di una mente finemente criptica.


gaudenzio-schillaci-2-1-e1583173345233-1632329103.jpg

L'autore

Gaudenzio Schillaci è nato nel 1990 a Catania. Vive e lavora a Bologna. Appassionato di letteratura, di musica e di cinema, ha collaborato per anni con lo scrittore Alberto Minnella. La felicità si racconta sempre male è il suo romanzo di esordio.

 

Il libro

Titolo: Frasi sporche da insegnare ai pappagallini

Editore: Alter Erebus

Pagg.: 382

Prezzo: € 14,90

Voto: 7