All rights reserved
logo

Letto, riletto, recensito!

faziomassimomonade@yahoo.it
image-832

facebook
twitter
gplus
youtube
instagram

Seguici nei nostri social

[2021-09-23 13:55] I tre premi "Letto, riletto, recensito!" di Etnabook 2021 Admin [2021-09-19 00:01] Inizia domani con il FUORI PROGRAMMA Bellová la III edizione di Etnabook Admin [2021-09-16 00:01] La fine del mondo di Simeone Carullo Admin [2021-09-12 18:47] Siglata la partnership tra 'Aleph - Scuola di scrittura' e 'Letto, riletto, recensito!' Admin [2021-09-12 18:28] Etnabook 2021: Martedì 14/9 conferenza stampa e presentazione del cartellone Admin [2021-09-12 18:04] nonhountubodafarequasiquasileggounlibro Admin

Per la tua pubblicità nel nostro blog
contattaci inserendo i tuoi dati di seguito,

Il consigLIBRO 

Estate 2021 è:

   

    Domenico Tumiati

     Una primavera in Grecia

          ETPbooks

Un muro che il cielo separa - Paolo Pera disamina "Dialogues" di Alberto Selvestrel - Libri d'arte

2021-01-21 23:01

Admin

Recensioni, home, Dialogues, Alberto Selvestrel,

Un muro che il cielo separa - Paolo Pera disamina "Dialogues" di Alberto Selvestrel - Libri d'arte

"Un muro che il cielo separa" il servizio di Paolo Pera per il libro d'arte di Alberto Selvestrel "Dialogues" - Le recensioni in LIBRIrtà

schermata2021-01-19alle16-06-48-1611068998.png

Alberto Selvestrel

 

 

 

 

Dialogues

 

 

 

 

Le recensioni in LIBRIrtà

Libri d'arte


Un muro che il cielo separa


A cura di Paolo Pera

 

Il terzo libro d’arte di Alberto SelvestrelDialogues (2020), giunge come un «pieghevole delle meraviglie»: le perfette congiunzioni geometriche che Selvestrel rintraccia di foto in foto creano un continuum formale che sta quasi a evidenziare l’inseparabile legame che le creazioni umane hanno da sempre tra loro, in fondo l’uomo crea esclusivamente per comunicarsi a chiunque abbia le giuste forme per accoglierlo. Il trionfo di geometrie del Nostro, da sempre paradigmatico (seppur dosato in differenti dosi), ha in questo libro la sua estremizzazione. Di fronte a un simile «serpente d’immagini» non sappiamo infatti se cercargli una cornice o se custodirlo come un qualunque volume sui nostri scaffali adorni di polvere… Oltre al durevole dialogo tra le immagini – reciprocamente complementari – intento a dirsi a quei rimasugli umani (comunemente detti architetture) v’è l’inquilino quasi sempre vivace del mondo: il cielo, che di lassù è spezzato – ma pure riflesso! – dal muro che abbiamo di fronte; Selvestrel sta forse sublimando un limite? L’architettura (da intendersi quale azione dell’uomo sulla natura) è presumibilmente questo limite laddove segmenta ogni cosa: bastoni di luce, rettangoli di mare, qualche incasellato tetto arancio su palazzi verde oliva, sorgenti montagne «inzuccherate». L’artista parrebbe desiderare però la condizione del gabbiano: planante nel cielo e sull’acqua specchiato, libero comunque d’abitare quell’azzurro che l’uomo ha incarcerato tra le sue strutture color pastello…

 

V’è pace in quest’opera, una pace un po’ costretta che si fa presto lieve mancanza: una piccola asfissia… La natura sembra gridare di voler esistere molto più di quanto le è qui concesso. Le montagne invadono difatti l’umana creazione (il muro!) proiettando su questa la propria ombra luminosa, al loro contrario le case imbruniscono gli spazi già scuri; le nuvole sono lunghe e piatte, e creano parallele con ciò che ingabbia… Solo ogni tanto spunta un batuffolo che levita. Girando il pieghevole incontriamo d’improvviso la speranza: ecco la luce, e pure un ampio mare con tutta la sua salubre aria! Torna però poco dopo tarpato, seppur in spazi limpidi e vitali. La città – poggiata come un Monopoly sul muretto – si confronta con una verde collina: quasi a spartirsi il trono terrestre! Il mare sparisce, poiché oramai simile al cielo… È infine il palazzo a illuminare l’umana costruzione, la montagna (quale amabile natura) svanisce delicatamente lasciando soltanto la sua buia ombra. L’uomo è così costretto a sé stesso, e nulla – parrebbe – gli è più di fuga…


selvestrelinunoscattodigiovannigastel-1611070280.jpeg

L'autore (fonte albertoselvestrel.com)

Torinese, classe 1996, all’età di 17 anni si avvicina alla fotografia con una particolare attenzione rivolta al paesaggio. Due anni dopo approfondisce da autodidatta le sue ricerche e si focalizza sul paesaggio antropico e le sue modificazioni, iniziando a sviluppare il suo stile personale caratterizzato da composizioni geometriche e minimali. La ricerca di Selvestrel è volta a condensare il massimo della sua espressione concettuale nel minimo della forma. Il suo primo progetto cartaceo intitolato “Images” esce nel 2017. Nel marzo del 2019 è uscito il suo secondo libro “Link”, con la prefazione di uno dei più grandi fotografi italiani: Giovanni Gastel (del quale la foto ritraente il Selvestrel é sua).

 

Il libro

Titolo: Dialogues 

Prezzo: € 25,00

una-primavera-in-grecia-1625589724
Paesietnei
LogoScardillipressrotondo-trasparente

Ogni mese Paesi Etnei Oggi,  ospita nella versione cartacea il blog Letto, riletto, recensito!

Schermata2019-05-07alle16.38.33
PHOTO-2019-09-28-11-45-16

Le nostre rubriche seguono il seguente ordine settimanale:

 

MercolediLeintervistecopia
lunedilevideorecensioni
SabatoGlievergreencopia
DomenicaIlconsigliodellasettimanacopia
GiovediLerecesnioniinLIBRIrtacopia
MartedievenerdiLenovita
sem
lorma
saggiatore
unnamed
LogoNN6
logoblackpngnewEDITORE2018